Currently Browsing: Serena Bucci

Bianco di piombo: come avvelenare un pittore

Per secoli gli artisti sono stati visti, dalle società nelle quali operavano, come artigiani, abili fautori di oggetti d’arte, quali che fossero, e nulla più. È soltanto a partire, più o meno, dal Quattrocento, che il ruolo dell’artista comincia ad imporsi ad un livello via via più intellettuale: si comincia ad apprezzarne l’estro creativo e […]

CONTINUA A LEGGERE

La Pala di San Zeno di Andrea Mantegna: dialettica tra spazio unificato rinascimentale e tradizioni locali

Andrea Mantegna è senza dubbio una delle personalità artistiche più riconoscibili del Quattrocento. Incarna infatti alla perfezione uno degli aspetti cardine del Rinascimento: l’amore per la filologia, lo studio accurato – ed accorato – delle cose antiche, il piacere estremo della riproduzione delle rovine, la copia delle pose e movenze delle statue e delle figure […]

CONTINUA A LEGGERE

Meccaniche d’altare nel Seicento romano

Il Barocco, come noto, è una delle grandi epoche caratterizzanti la città di Roma, uno dei volti che la città ha avuto modo di sfoggiare nei suoi molti secoli di storia. Tra le espressioni forse meno prevedibili di questo secolo dedito allo stupore vi sono alcuni meccanismi motorizzati che, insieme alle immagini considerate miracolose, alla […]

CONTINUA A LEGGERE

Autorappresentazione politica fatta ad arte: Federico da Montefeltro duca di Urbino

Federico da Montefeltro è stato forse il più celebre dei duchi di Urbino, sebbene per ottenere il riconoscimento della carica ducale abbia dovuto attendere trent’anni. Uomo d’armi e capitano di ventura tra i più temuti e richiesti del suo tempo, Federico divenne celebre tanto per le sue vittorie militari quanto per le sue velleità letterarie […]

CONTINUA A LEGGERE

Visitare i Capitolini: dalla Roma repubblicana al Grand Tour

I Musei Capitolini sono stati i primi musei al mondo ad aprire al pubblico: inaugurati in questa forma pubblica nel 1734 da papa Clemente XII Corsini (sulla base di una collezione di matrice prevalentemente pontificia già esistente, il cui nucleo risaliva alla donazione di Sisto IV della Rovere nel 1471) sono stati progressivamente ampliati tramite […]

CONTINUA A LEGGERE

Un’amichevole disputa fiorentina: Brunelleschi a Santa Maria Novella e Donatello a Santa Croce

Uno dei motori della civiltà rinascimentale fiorita a Firenze nel Quattrocento, accanto al rinnovato studio della cultura classica e al dibattito intellettuale interdisciplinare, fu certamente la gara. Che si trattasse di averla vinta in una qualche questione, di gareggiare pubblicamente come nel caso dei concorsi – tra i quali quello celeberrimo del 1401 – oppure […]

CONTINUA A LEGGERE

Palazzetto Venezia: la demolizione e ricollocazione in funzione del Vittoriano

Piazza Venezia è uno dei luoghi più rappresentativi, a Roma, della storia moderna e contemporanea. Dal punto di vista urbanistico è un’area che è stata più volte risistemata. Le più evidenti, che ancora oggi caratterizzano l’assetto della Piazza, sono due. La più conosciuta, ossia la creazione della Via dell’Impero, poi Via dei Fori Imperiali, che […]

CONTINUA A LEGGERE

Furto con copia: la Pala Baglioni di Raffaello alla Galleria Borghese

Nel 1507 Raffaello Sanzio realizza, per una cappella all’interno della chiesa di San Francesco al Prato a Perugia, una pala d’altare. Nell’anno successivo si sarebbe trasferito a Roma, ma per il momento è ancora a Firenze e realizza opere – soggetti sacri, come molte delle sue poi celeberrime Madonne, oppure ritratti – per privati illustri. […]

CONTINUA A LEGGERE

La porta lignea di Santa Sabina all’Aventino: una superstite del V secolo

Il modo migliore per farsi un’idea di come potessero essere le basiliche romane nella tarda antichità è recarsi sull’Aventino. Lì, proprio accanto al noto Giardino degli Aranci, c’è una delle più antiche basiliche cristiane della città. La sua fondazione risale al 425, sotto il pontificato di Celestino I, e non si tratta di una committenza […]

CONTINUA A LEGGERE

Giulio II alla Mirandola: il papa generale e la palla di cannone schivata

Giulio II Della Rovere è noto per essere stato un pontefice energico, assertivo e decisamente più interessato alla politica e alla guerra – del resto, non bisogna dimenticarlo, la Chiesa cattolica non era altro che una monarchia, più o meno influente in base al momento storico – che non alla religione. Era, in realtà, molto […]

CONTINUA A LEGGERE