Currently Browsing: Politica internazionale

Attacco in Iraq contro l’Italia – Di Maio: nessun ferito in pericolo di vita. La vicinanza di Mattarella e il ricordo di Nassiriya

E’ arrivata la rivendicazione ufficiale dell’attacco terroristico che ha coinvolto i cinque soldati italiani in Iraq domenica scorsa: l’ISIS, secondo quanto riferito dal Site, si sarebbe infatti attribuita la paternità dell’azione terroristica attraverso un comunicato della agenzia di propaganda “Amaq”: “Con l’aiuto di Dio, soldati del Califfato hanno colpito un veicolo 4X4 con a bordo […]

CONTINUA A LEGGERE

L’insuperabile stallo politico della Spagna che favorisce l’ultradestra

Le elezioni politiche spagnole confermano che, in quel Paese, “el bloqueo” (lo stallo) rappresenta ormai la regola e non più un’eccezione. Questa sembra essere la fotografia complessiva all’indomani della ennesima consultazione elettorale senza un esito politico definitivo. In realtà, da aprile ad oggi – le penultime e le ultime elezioni – si sono verificati alcuni […]

CONTINUA A LEGGERE

I fremiti dell’America Latina

Il Sud del mondo torna a fare notizia. In particolare, il Sud America ribolle come dimostrano le foto e i video delle manifestazioni popolari di Quito, Santiago del Cile, Buenos Aires, ecc. Mesi addietro era stata la crisi venezuelana a destare attenzione. Qualche giorno fa l’UE lanciava l’allarme perché a Caracas ancora non si vede […]

CONTINUA A LEGGERE

Trump nei guai: la telefonata a Zelensky e la talpa della Cia

Non è di certo la settimana più rosea di tutte, per il presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump. La procedura di impeachment, richiesta dal Partito Democratico, è stata avviata ieri dalla speaker della Camera Nancy Pelosi. Quest’ultima aveva già negato simili richieste in altre occasioni, come quella relativa alla possibile influenza russa nelle elezioni […]

CONTINUA A LEGGERE

Una Commissione europea più forte?

Più simpatica, forse, con una presidente e 12 donne a renderla la più paritetica di sempre; e più fresca, certo, perché il presidente uscente Jean-Claude Juncker e alcuni suoi commissari sono giunti a fine mandato proprio ‘cotti’. Sui contenuti, però, la si misurerà da quello che farà: buone premesse ce ne sono, come il riconoscimento […]

CONTINUA A LEGGERE

Ue/Gb: Boris Johnson, le radici ‘europee’ del premier ‘pro Brexit’

Proliferano e crescono, sono una nidiata in Italia: piccoli Trump, cloni del magnate e showman divenuto presidente degli Stati Uniti, arrivano al potere promettendo di fare cose sbagliate e puntualmente le fanno: con il mito dell’uomo forte al potere che non ha gli intoppi della democrazia, i monarchi sauditi, il generale golpista egiziano al-Sisi, l’autoritario […]

CONTINUA A LEGGERE

La nomina di Gozi: perché Meloni e Di Maio hanno “ragione”

C’è un detto popolare molto noto che afferma che “anche un orologio rotto segna l’ora giusta due volte al giorno”. Considerando come giorno l’intera durata della legislatura a trazione gialloverde, sembra essere scoccata la prima coincidenza temporale per due cronografi molto malandati come Giorgia Meloni e Luigi Di Maio: entrambi, nonostante il grande solco che […]

CONTINUA A LEGGERE

Ursula von der Leyen e la sua prossima investitura

Ursula von der Leyen ce la può fare, a ottenere, la prossima settimana, l’investitura a presidente della Commissione europea dal Parlamento europeo: ha molte frecce al suo arco, è una popolare (ed i popolari sono il gruppo più numeroso, nell’Assemblea di Strasburgo), è una tedesca, è una donna, ha referenze eccellenti. Ma farà fatica a […]

CONTINUA A LEGGERE

Cambio di gestione ai vertici Ue: dentro Sassoli, Lagarde e von der Leyen

È tempo di cambiamenti a Bruxelles: tra nuove nomine ed elezioni, negli scorsi giorni è stato deciso il destino dei prossimi cinque anni di policy-making in seno all’Unione Europea. Il bilancio, in ottica di influenza nazionale, tende al ribasso per il Bel Paese: tre italiani fuori, uno dentro. Sono infatti Mario Draghi, Federica Mogherini e […]

CONTINUA A LEGGERE

Perché il diritto internazionale è dalla parte di Sea-Watch 3

L’Italia è un Paese diviso, per l’ennesima volta in un lasso di tempo troppo breve da poter inquadrare, di fronte alla polemica della settimana. L’evento scatenante è – ovviamente – quello della nave Sea-Watch 3 e del suo capitano Carola Rackete, tedesca di 30 anni, in questo momento trattenuta agli arresti domiciliari dopo l’attracco a […]

CONTINUA A LEGGERE