Currently Browsing: Roberto Castellucci

Quando un artista…

Il biglietto da visita del Maestro Mario Salvo è indubbiamente il colore che, steso su tavolette di legno, cattura l’attenzione dello spettatore suscitando dapprima sensazioni estemporanee di piacevole stupore e, poi, emozioni diversificate in base alla filtrante esperienza personale. “Cromosintesi”, il titolo della mostra che caratterizza il recente periodo dell’artista, è un esempio di come, […]

CONTINUA A LEGGERE

Somnio, ergo sum

Lo incontro in un ambiente barocco che, con la sua pomposità, contribuisce a rendere surreale l’intervista con il personaggio schivo, riservato, a tratti timido, non avvezzo a stare sotto i riflettori ma, anzi, a posizionarci gli altri: Mauro Camattari, tanti titoli, tanti lavori, tante…medialità. Emiliano, creatore e animatore con Marco Trani della Riccione fabbrica del […]

CONTINUA A LEGGERE

Quel rampante fil rouge

Rosso! Scaglietti… Rosso! Ferrari… Rosso! Successo… Sergio, Oscar, Simone, Matteo, una dinastia che collega la sana imprenditoria italiana che fa dell’eccellenza il biglietto da visita internazionale. Scaglietti, un cognome di valore per gli appassionati dell’automobile e, più nello specifico, dei ferraristi, un particolare pubblico che reputa i modelli della fabbrica modenese opere d’arte, anziché meccanici […]

CONTINUA A LEGGERE

L’antipasto antipatico

Antitetico, anticamera, antisettico, antistante, antifurto, antibagno, antimateria… Che cosa hanno in comune questi termini? Ovvio, il prefisso “anti”. Tale prefisso, però, non sempre determina lo stesso effetto sulla parola che lo segue. Escludendo dalla trattazione il significato scientifico (antigene, antiprotone, anticiclone, antirotazione…), possiamo notare che il lemma assume un significato diverso a seconda dell’etimologia: se […]

CONTINUA A LEGGERE

Io mi domando…

Rovistando tra i tanti personaggi da intervistare e sui quali scrivere un articolo, ne ho scovato uno che, pur vivendomi molto vicino, risulta scontroso e forastico quando gli vengono poste domande personali. Cercherò, allora, di aggirare il problema chiedendogli informazioni sulla sua attività artistica, sperando di coglierlo in castagna e strappargli qualche emozione personale… (Intervistatore) […]

CONTINUA A LEGGERE

Omnia munda mundis

Prima dell’intervista pensavo che dietro le inefficienze del trattamento dei rifiuti in Italia ci fossero disegni strategici mondiali o, più banalmente, interessi della malavita organizzata. Le immagini della campana Terra dei Fuochi e, più recentemente, della Valle del Sacco (Frosinone), avevano impresso nella mia memoria scenari tragici, malattie terminali, morie di animali e desertificazione biologica. […]

CONTINUA A LEGGERE

‘A monnezza

Da qualche tempo spopola sui media sociali un losco figuro, come si sarebbe definito tanti anni fa, in realtà un povero personaggio che, in modi molto aggressivi, si scaglia contro il governante o amministratore di turno in qualità di difensore dei ragazzi di oggi e dei loro diritti. Gli slogan che adotta sono molto populistici, […]

CONTINUA A LEGGERE

Non voglio mica la luna

Roma, lo incontro in un ristorante sulla Circonvallazione Gianicolense, non per caso. Un uomo schivo, dai lineamenti che onorano il suo pseudonimo di origine viennese, italiano nelle radici ma internazionale nella sua arte. Mi accoglie al tavolo con un sorriso di circostanza ma, probabilmente, diffidente perché la mia richiesta di intervista lo espone a domande […]

CONTINUA A LEGGERE

Induzione, pranzo e cena

“Raccomangiamoci”: un neologismo prezioso, una simbiosi di significati che fa riflettere, tanto. Una crasi di parole che nasconde una portata emozionale incredibile, degna di uno studio semantico. Parole che assurgono a sommi aggettivi perché, dopo aver letto l’opera di Ippolita Di Lecce (PAV Editori), restiamo impregnati di un carico di sensazioni che colora non solo […]

CONTINUA A LEGGERE

Velocipede o velociraptor?

Finito il lockdown, le strade hanno ricominciato a recuperare la loro originaria funzione, cioè quella di essere percorse da veicoli da trasporto ornati, generalmente, con un minimo di due rotondi cilindri di gomma… I monoruota, infatti, sono veicoli relegati ai ricordi d’infanzia degli spettacoli circensi, quando tanta impressione facevano gli altissimi equilibristi con un solo […]

CONTINUA A LEGGERE