Portonovo e la sua piazza gustosa: Plaza Fish Burger

C’è una gemma, incastonata nel Monte Conero, che regala scorci poetici e momenti di estasi pura: Portonovo. Ci troviamo ad Ancona, capoluogo della Regione Marche, in un’insenatura tra il mare ed il verde che si getta a strapiombo nel mare ed accoglie al suo interno un’altra piccola meraviglia: il Plaza Fish Burger di Paolo Palpacelli.

Sorto dove un tempo si trovava la storica gelateria della piazzetta di Portonovo, il Plaza Fish Burger è burger bar, con annessa attività di piccola ristorazione, dove è possibile gustare panini gourmet di pesce, dal pane a lunga lievitazione, con il 78% di idratazione e materie prime attentamente selezionate.

Quello di Paolo è un bistrot che abbraccia il mare e parla di terra, parla di tradizione, parla di cultura marchigiana e offre una variegata offerta di prelibatezze e di particolarità: dai panini di pesce alla pizza al taglio fino al sushi, preparato all’interno dei loro locali, in collaborazione con Yum Yum Food.

“Se un panino non è perfetto, non deve uscire – ci racconta Paolo – tutti i nostri prodotti partono da una grande ricerca su ogni componente: dalla materia prima a km zero, sino al 90% di tutti i prodotti che sono di provenienza locale, la nostra è una ricerca del meglio in tutti gli ambiti.”

Dall’anno scorso Paolo, col suo fish burger, si è convertito al plastic free e, anche grazie alla recente situazione Covid, da quest’estate ha avviato un servizio di consegna dei suoi gustosissimi prodotti, sulla spiaggia di Portonovo, affidandosi alle due ruote: una scelta rispettosa dell’ambiente e sicuramente originale.

Attualmente il locale è aperto solo in estate, ma il vulcanico Paolo sta progettando, dal prossimo autunno, l’apertura di un nuovo locale nel centro di Ancona.

Plaza Fish Burger già nel suo nome riecheggia quella che può essere una piccola piazza, una piazza fatta di ingredienti genuini ed autentici e di piatti davvero speciali, che ben si insediano in questa piccola insenatura a due passi dalla città, che vede in Portonovo il suo fiore all’occhiello e nel bistrot di Paolo il suo timbro indelebile che neanche il mare può cancellare.

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares