Oleificio Mezzapelle, olio di mamma.

Il mare, attraverso le sue profondità misteriose, i pericoli che nasconde, la sua enorme vastità e la sua grande forza ha sempre affascinato noi esseri umani. Già nell’antica Grecia, Poseidone, il dio del mare, era uno degli dei più potenti e importanti dell’Olimpo. Il mare, inoltre, ricopre gran parte della superficie terreste e la sua presenza è stata fondamentale per portare la vita sul nostro pianeta. Ma il mare è anche divertimento, romanticismo puro, con i suoi tramonti dove il sole si getta nel mare, e con le sue acrobazie.

Le onde del mare sono come degli abbracci materni, che ora ti stringono e avvolgono, ora ti accarezzano dolcemente, dipende dalla loro veemenza, e forza; a Marsala in provincia di Trapani, questi abbracci e questo mare lo troviamo presso l’oleificio Mezzapelle dei fratelli Mezzapelle, otto fratelli, che hanno voluto creare un filo che unisse i loro clienti a ciò che già vi era stato ed era stato generato.

L’oleificio nasce grazie alla madre Giacoma Maria, donna che non necessita di parole, perché a parlare erano i suoi occhi blu profondi come il mare, le sue braccia dolci come le onde e i suoi sorrisi delicati come gli scogli; una donna che a 65 anni prima di dipartire per un’altra vita ha lasciato in eredità ai suoi figli una sabbia sottilissima, delicata ed eterna ovvero l’onestà.

L’ onestà è qualcosa che ti porti sempre con te il tuo abito, il tuo volto, con essa Giacoma Maria, ha dialogato ogni giorno inseme con l’amore, altro sentimento che non si apprende a scuola ne si insegna ma si può solo donare con l’esempio, e avendolo in sè come serbatoio, un pozzo pieno d’acqua che vuole essere solo ogni volta rigenerato.

Oggi l’Oleificio parla di lei a lei con lei, e a noi la fa amare, e apprezzare per quello che ha creato, un frantoio, che in questo presente è stato anche insignito dalla Camera di Commercio del premio Eccellenza per l’estrema qualità che i suoi clienti riconoscono, in gusto, odore, sapore, e anche nel risultato finale; si creano delle bottiglie che sono delle sagome come delle statue con l’immagine della madre un effige per non dimenticare, per ricordare.

Lei alberga come una stella polare nel frantoio e dialoga ogni giorno con i suoi figli, le sue figlie tutti amorevoli, dolci e pronti a raccogliere questa eredità che sa di infinito e che sa di amore.

Come sosteneva Arthur Rimbaud, poeta francese:”L’eternità è il mare mischiato col sole”.

Il mare oggi porta a Marsala il nome di Giacoma e quindi Oleificio Mezzapelle, dove anche se macchiato di giallo troviamo un pezzo di mare.

 

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares