Eva Orsi Tankoa Yachts.Una donna sul ponte di comando

Nella recente classifica di Forbes Italia sulle 100 figure femminili italiane più influenti nel nostro paese nel 2021 – contraddistintesi, a giudizio della rivista, per ingegno, tenacia e competenza – figura anche il nome di Eva Orsi.

Nata a Milano, la giovane manager è attualmente presidente della Tankoa Yachts, gruppo che, nato nel 2008, figura oggi tra le eccellenze della nautica italiana di lusso con la sua produzione di superyacht di dimensioni che partono dai 50 metri, e che nel 2021 ha conseguito risultati commerciali fin qui mai raggiunti cominciando per questo a valutare diverse opzioni di siti produttivi per aumentare la propria capacità produttiva. Ciò è stato possibile anche all’azione di Eva, concentratasi nel consolidare l’azienda e nel rafforzarla, sia a livello manageriale che commerciale, con l’innesto di risorse di grande esperienza come l’ingegnere Vincenzo Poerio, attuale amministratore delegato della compagnia.

Localizzata con la propria sede e i propri cantieri a Genova, Tankoa è stata fondata dal padre di Eva, Guido, che aveva già guidato la Baglietto e che, nel settembre 2018, ha accettato di buon grado che fosse lei a salire al vertice dei cantieri liguri. In particolare, ha evidenziato Eva in alcune interviste, quella di salire al timone dell’azienda di famiglia – che, come le altre esperienze paterne nell’industria nautica, ha fatto da sfondo alla sua vita – è stata una decisione che ha preso in piena autonomia e con ferma convinzione, senza ricevere alcuna pressione dall’ambiente familiare; il supporto paterno è stato, semmai, un plus che ha confermato la bontà della scelta fatta.

Laureata in Economia dell’arte, della cultura e della comunicazione alla Bocconi di Milano e con un master in Management del Made in Italy, consumi e comunicazione della moda, del design e del lusso alla IULM del capoluogo lombardo, Eva Orsi ha portato con sé, alla guida della Tankoa, un notevole bagaglio di esperienze nel mondo dell’arte, del design e della comunicazione. E se questo percorso formativo di Eva Orsi può sembrare eccentrico rispetto al core business dell’azienda genovese, devono però almeno rilevarsi due importanti elementi di continuità, sui quali senz’altro la presidente saprà investire: innanzitutto il fatto che anche la nautica di alto livello rientra di diritto tra i fiori all’occhiello di quel Made in Italy nel quale Orsi ha creduto nel plasmare il suo curriculum accademico e per la cui valorizzazione si è adoperate in molte delle sue prime esperienze di lavoro; in secondo luogo, la stessa creazione di uno yacht, al giorno d’oggi, va molto oltre lo scafo e la sua sovrastruttura, e vede anzi come parte integrante il design di interni ed esterni. Si tratta in effetti di un tema al quale la famiglia Orsi è sensibile da molto tempo, collaborando da molti anni, e già prima dell’esperienza di Tankoa, con il celebre designer Francesco Pazskowski;

nella medesima direzione vanno anche i legami che la stessa Tankoa ha stretto, sotto la gestione di Eva e con lo scopo di offrire al mercato una scelta più ampia di prodotti, con nomi e realtà importanti del design quali Luca Dini, Giorgio Cassetta e HotLab.

Per il futuro, infine, l’auspicio di Eva Orsi – che spera anche di portare in azienda una sempre maggiore attenzione al tema della sostenibilità ambientale, in particolare in termini di riduzione delle emissioni di anidride carbonica – è quello di poter guidare una azienda in continua e costante crescita che possa posizionarsi in una ben individuata nicchia di mercato, quella di yacht – come si è detto di dimensioni ragguardevoli – che, pur costando molto di più dei prodotti delle aziende italiane, abbiano tuttavia un prezzo inferiore a quelli che escono dai cantieri del Nord Europa (Germania e Olanda in particolare), dei quali puntano piuttosto ad eguagliare l’altissimo livello qualitativo, tecnologico ed ingegneristico.

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares