Sviluppo sostenibile: Madonna di Campiglio ospiterà l’8° Conferenza Internazionale dei Geoparchi Mondiali UNESCO

Dall’11 al 14 settembre, più di 850 delegati UNESCO provenienti da tutto il mondo si riuniranno per parlare di Geoparchi, ambiente e sviluppo sostenibile. L’obiettivo della conferenza sarà quello di individuare una strategia comune che possa garantire un equilibrio tra la necessità di conservazione del patrimonio geologico e lo sviluppo economico del territorio. Il convegno sarà caratterizzato da workshop e seminari scientifici e tematici, nonché eventi sociali che offriranno l’opportunità di conoscere la cultura e le tradizioni locali del Trentino.

Madonna di Campiglio, 4 settembre 2018. Dall’11 al 14 settembre 2018, a Madonna di Campiglio, in Trentino, si terrà l’8° Conferenza Internazionale sui Geoparchi Mondiali dell’UNESCO. L’evento biennale che si svolgerà nel cuore dell’Adamello-Brenta Geopark, attirerà più di 850 delegati provenienti da tutto il mondo. La conferenza comprenderà workshop e seminari, scientifici e tematici, nonché eventi sociali che offriranno l’opportunità di conoscere la cultura e le tradizioni locali trentine. Durante l’evento, sono previste inoltre diverse occasioni per partecipare a escursioni guidate, visite alle Case del Geoparco e altre attività per familiari e accompagnatori dei congressisti. Questo programma così variegato offrirà la possibilità di conoscere e immergersi nella bellezza unica di questo straordinario Geoparco.

Cos’è un UNESCO Global Geopark. Un UNESCO Global Geopark è una singola area geografica di importanza geologica internazionale gestita secondo un concetto olistico di protezione, educazione e sviluppo sostenibile. I parchi insigniti di questo titolo utilizzano il proprio patrimonio geologico, parallelamente a tutti gli altri aspetti del patrimonio naturale e culturale della zona, per promuovere una maggiore consapevolezza su specifiche questioni ambientali quali, ad esempio, la mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici. Nel complesso, la rete di UNESCO Global Geoparks promuove lo sviluppo di una forma di geoturismo che favorisca l’incremento di imprese locali innovative e posti di lavoro, dia alle popolazioni locali un senso di orgoglio e identificazione nel proprio territorio e garantisca la protezione dell’area interessata.

Il Parco Naturale Adamello-Brenta Geopark nel 2008 ha ottenuto il riconoscimento di Geoparco e nel 2015 è stato inserito all’interno della Rete europea e mondiale dei Geoparchi, portandolo ad essere conosciuto nel mondo come Adamello Brenta UNESCO Global Geopark. Il patrimonio geologico e gli sforzi del Parco nel promuovere lo sviluppo sostenibile lo hanno portato alla fama internazionale. Rinomato per essere uno dei paesaggi più unici del Trentino, si caratterizza da due catene montuose contrastanti: a ovest l’Adamello-Presanella – la più estesa delle Alpi italiane – e a est dalle Dolomiti di Brenta – Patrimonio Mondiale dal 2009. La straordinaria biodiversità del Parco comprende oltre 1.300 specie di flora e alcune tra le più tipiche della fauna di montagna, ad esempio l’orso bruno, il “signore della foresta” e simbolo del Geoparco.

Sviluppo sostenibile. In che modo i Geoparchi possono contribuire alla promozione dello sviluppo sostenibile? A questa domanda cercherà di rispondere la conferenza di quest’anno. Dal 2004, l’UNESCO ha posto nelle linee direttrici l’idea che un Geoparco integri gli obiettivi di conservazione del patrimonio geologico con quelli di promuovere una crescita economica sostenibile. Pertanto, i Geoparchi si trovano a dover affrontare l’eterno dilemma delle aree

protette, rappresentato dalla necessità di trovare un equilibrio tra conservazione ambientale e sviluppo economico che ruota principalmente attorno al settore turistico.

L’8° Conferenza Internazionale sui Geoparchi Mondiali UNESCO rappresenta dunque un’opportunità per discutere una strategia comune per le diverse aree da proteggere. A tal proposito, le sessioni scientifiche e i workshop verteranno su argomenti quali: turismo e sviluppo locale sostenibile, conservazione e ricerca, cambiamenti climatici e rischi geologici.

Per ulteriori informazioni: www.campigliodolomiti.it/ggn2018

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares