Mostre, eventi e appuntamenti per il weekend nei Musei della Capitale Per le giornate del 7, 8 e 9 dicembre in programma visite alle mostre, incontri per bambini e adulti, attività, eventi, spettacoli, concerti

Roma, 6 dicembre 2018 – Roma capitale della cultura. La città, viva e attiva, raccoglie ogni giorno un fitto calendario di incontri, eventi, mostre, attività. Eccone alcuni per il fine settimana di venerdì 7, sabato 8 e domenica 9 dicembre.

 

Questa settimana la manifestazione Nel week end l’arte si anima propone la sera di sabato 8 dicembre ai Musei Capitolini (alle 20.30 – 21.15 – 22.45) l’evento Da uomo a uomo: la parola dei diritti (o il diritto di aver diritti), una lettura integrale degli articoli della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, a settanta anni dalla sua adozione, con Lorenzo Lavia, Francesco Siciliano, Sylvia Milton, Antonio Bannò, accompagnata da musica eseguita dal vivo. In collaborazione con Teatro di Roma, Roma Tre Orchestra e con l’Ufficio in Italia del Parlamento Europeo.

La mattina alle 11.30 è prevista alla Villa di Massenzio la visita guidata Al Circo con Massenzio che illustrerà le vicende storiche legate alle figure di Massenzio e di Costantino e allo scontro tra i due.

Domenica 9 dicembre il Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese ospiterà alle 11.30 ilconcerto del pianista Matteo Cardelli su musiche di F. Chopin, a cura di R3O, mentre al Museo delle Mura alle 11.30 si svolgerà il concerto Da Lodi a New York su 16 corde con musiche di W.A. Mozart e A. Dvorak eseguite dal vivo da Daniele Gorla e Giulia Liberatoscioli (violini), Alessandro Mancuso (viola), Antonello Rubini (violoncello), a cura di Sapienza Università di Roma.

Varie le attività didattiche previste nel corso della giornata: al Museo Pietro Canonica alle 11.00, la visita guidata Arte e Psicologia. L’artista coglie l’anima del suo soggetto e la traspone nel marmocercherà di scoprire la psicologia dei personaggi raffigurati nei busti e ritratti scultorei attraverso le posture, i gesti e gli atteggiamenti; al Museo di Casal de’ Pazzi alle 11 avrà luogo la visita guidata e il laboratorio Le ossa raccontano per far comprendere, attraverso la sperimentazione in prima persona, la complessità del lavoro di ricerca del Paleontologo e dell’Archeozoologo; al Museo Carlo Bilotti alle 16.00 Natura e arte: visita guidata all’Aranciera e al Giardino del Lago di Villa Borghese tra sensi, natura, arte e storia.

 

Anche L’Ara Com’era, al Museo dell’Ara Pacis, continua il suo racconto multimediale, tra storia e tecnologia, tutte le sere, fino al 6 gennaio 2019, dalle 19.30 alle 23.00. La visita multisensoriale immerge i visitatori, tra ricostruzioni in 3D, computer grafica, realtà virtuale e aumentata, in un ambiente a 360° in cui possono ammirare uno dei più importanti capolavori dell’arte romana con i suoi colori originali e il Campo Marzio (ultimo ingresso alle 22.00). www.arapacis.it.

 

Cantata per Taranto alle 18.30 di venerdì 7 dicembre all’interno della Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi. Una performance musicale del giornalista e cantautore Ernesto Bassignano collegata all’installazione di Antonio Bernardo Fraddosio Le tute e l’acciaio, nel giardino/chiostro del Museo. Una ballata che racconta per colori e forti sensazioni “la fatica e il dolore del grande popolo dell’Ilva, popolo pugliese dolente e coraggioso, diviso da sempre tra il bisogno di campare la famiglia e i pericoli di un ambiente traditore che secca la pelle e il fiato nei polmoni”.

 

Al via Mystery Rooms nel museo: misteri, segreti e avventure per conoscere la storia e l’arte attraverso il gioco.

I partecipanti avranno la possibilità di scoprire il patrimonio inestimabile di storia e di arte della loro città attraverso il gioco di squadra, la complicità, l’intuizione, l’ingegno e la prontezza di riflessi. Un’esperienza ludica che ricalca le popolarissime “escape rooms” o “mystery rooms” a tema, per rendere note storie segrete e opere degne di attenzione, conservate in alcuni dei musei gratuiti del Sistema Musei in Comune, coinvolgendo in particolare il pubblico tra i 16 e i 30 anni. Ingresso e partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria allo 060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00.

Si inizia con Le Mani sul museo. Concerto avventura per salvare il Museo Barraccosabato 8 dicembre, alle 10.30 e 14.00, al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco. Uno spettacolo molto particolare che si trasformerà, in corso d’opera, in una vicenda densa di mistero. Un custode scomparso, un funzionario pazzo ma, soprattutto, la perdita dell’unico fondamentale documento in grado di evitare la distruzione del Museo da parte di un’agguerrita multinazionale. Una vera e propria caccia al tesoro tra le sale del museo, in cui i partecipanti andranno alla ricerca degli indizi utili al ritrovamento dell’importante documento.

 

Mistery Rooms continua l’8 e il 9 dicembre alle 15.00 e 16.30 con Album Bonaparte. Indagine nel passato, presente e…futuro di una famiglia, al Museo Napoleonico, rivolto a un pubblico curioso, appassionato di storia e di mistero, che potrà esercitare la propria immaginazione muovendosi da un indizio all’altro. Dentro le vetrine, nelle librerie, ben nascosto dietro la magniloquenza dei ritratti ufficiali si nasconde, infatti, un universo di tracce, oggetti, disegni, doni, che parla della famiglia Bonaparte e delle relazioni misteriose che intercorsero tra i suoi membri. Si comincia con una sorta di seduta spiritica collettiva che rievoca la vita contenuta negli oggetti per poi muoversi tra le stanze, entrando in relazione con la collezione del museo per ricomporre l’album di famiglia.

Cena al Museo di Zoologia con AnimalNight Before Christmasl’8 dicembre dalle 19.30 alle 22.15, un’avventurosa serata per bambini dai 7 ai 9 anni nelle sale del Museo aspettando il Natale, che si concluderà con l’attesa pizza nella Sala degli Scheletri.

 

Enrico Casularo (flauto traversiere) ed Elisabetta Ferri (clavicembalo) in concerto alla Casina delle Civette domenica 9 dicembre alle 11.00, con musiche di G.F. Haendel, A. Vivaldi, G.B. Sammartini, J.S. Bach. Gratis con la MIC card.

 

Tra le mostre in corso da visitare nel fine settimana, La Roma dei Re. Il racconto dell’Archeologia e I Papi dei Concili dell’era moderna. Arte, Storia, Religiosità e Cultura ai Musei Capitolini.

 

Al Museo di Roma apre al pubblico, nelle sale che affacciano sul cortile, Paolo VI. Il Papa degli artisti, una mostra per ripercorrere la storia degli ultimi tre concili dell’età moderna che hanno determinato nella storia della Chiesa radicali cambiamenti, sia sul fronte teologico-dottrinale sia sul versante artistico. Continua Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre: 160 scatti, videoinstallazioni e documentari che tracciano il ritratto collettivo degli italiani e dell’Italia della rinascita.

 

Alla Galleria d’Arte Moderna di via Crispi, nel chiostro del Museo, l’installazione etica di Antonio Fraddosio Le tute e l’acciaio, dedicata agli operai dell’Ilva e alla città di Taranto e, nelle sale, la mostraRoma Città Moderna. Da Nathan al Sessantotto, una rassegna unica che ripercorre le correnti artistiche protagoniste del ’900 con, in primo piano, la città di Roma. Alla Casina delle Civette di Villa Torlonia, la collezione di Francesco Principali, fine e raffinato collezionista di arti decorative del XX secolo si integra perfettamente, nella mostra Metamorfosi del quotidiano, con lo stile liberty e le vetrate artistiche degli edifici museali della villa. Straordinaria Lisetta Carmi. La bellezza della verità, al Museo di Roma in Trastevere, la prima mostra dedicata alla fotografa in un museo pubblico a Roma.

 

Al Museo dell’Ara Pacis la grande mostra dedicata a uno dei simboli del cinema italiano nel mondo:Marcello Mastroianni. Attraverso i suoi ritratti più belli, i cimeli e le tracce dei suoi film e dei suoi spettacoli, le immagini e i racconti, gli scritti, le testimonianze, le recensioni, sono raccontate tutta la carriera e la vita di questo straordinario attore, dal successo delle sue interpretazioni cinematografiche al suo percorso meno noto sulle scene teatrali.

 

Al Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese due mostre: Balla a Villa Borghese, che presenta un focus incentrato esclusivamente sulle opere dipinte dall’artista nella Villa, con un’indagine sulla sua prima produzione pittorica che, non ancora futurista, è già rivolta allo studio della luce e del colore e L’acqua di Talete. Opere di José Molina, una mostra, curata da Roberto Gramiccia, sulle origini del pensiero occidentale.

 

Al Museo Ebraico di Roma e al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco la mostra sull’archeologo e mercante d’arte Ludwig Pollak (Praga 1868 – Auschwitz 1943). Le opere in mostra ripercorrono la storia professionale e personale del grande collezionista: dalle sue origini nel ghetto di Praga, agli anni d’oro del collezionismo internazionale, alla tragica fine nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali Viaggio nel Colosseo – Magico fascino di un monumento, una mostra grafica sul fascino che “la magia” del Colosseo ha sempre esercitato su Gerhard Gutruf, attraverso una selezione di opere realizzate in tecniche e formati differenti ma accomunate dallo stesso spirito, espressione della chiave interpretativa assolutamente originale del pittore, erede del pensiero iconografico classico e artista intimamente e culturalmente “europeo”.

 

Io So(g)no. Sguardi dei minori stranieri non accompagnati sulla loro realtà e i loro sogni è la mostra fotografica al Museo delle Mura rivolta a minori stranieri non accompagnati accolti a Roma, che nasce da un progetto dell’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, in collaborazione con l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia). Durante l’attività formativa 15 minori tra i 14-17 anni hanno intrapreso un’esperienza che li ha portati alla conoscenza del medium fotografico e alla comprensione delle metodologie di utilizzo di strumenti professionali e non, attraverso la sperimentazione. Io So(g)no narra, attraverso le immagini, la quotidianità e i sogni dei ragazzi coinvolti.

 

Alla Casa del Cinema di Villa Borghese, in corso Mickey 90 – L’Arte di un SognoTopolino e il cinema, un affascinante e ricco percorso narrativo che, attraverso ingrandimenti, foto, manifesti e immagini dei pezzi più prestigiosi esposti alla mostra di Desenzano del Garda, ripercorre la carriera cinematografica di Topolino, dal suo debutto a oggi e alcuni momenti fondamentali del suo rapporto con il grande cinema.

 

Alla Casa della Memoria e della Storiavenerdì 7 dicembre si possono visitare le installazioni di Fabrizio Dusi Don’t Kill 1938. La mostra, a ingresso libero, evoca il drammatico tema delle leggi razziali, emanate dal regime fascista nel 1938.

 

Per i possessori della MIC card è gratuito l’accesso ai Musei Civici e ai siti archeologici e artistici della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Sono inoltre gratuite le visite e le attività didattiche che rientrano nel biglietto d’ingresso al museo. Ricordiamo che la MIC può essere acquistata da chi vive o studia a Roma al costo di 5 euro e permette l’ingresso illimitato per 12 mesi nel Sistema dei Musei in Comune. Per info: www.museiincomuneroma.it

 

 

 

 

 

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 share