Fabriano il meeting delle città creative Unesco

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli inaugurano a Fabriano il meeting delle città creative Unesco

Fabriano, 11 giugno 2019 – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli inaugurano domani, 12 giugno, la XIII Unesco Creative Cities Network Annual Conference, il più importante appuntamento internazionale della rete delle città creative Unesco, promosso in Italia da Maria Francesca Merloni, Unesco Goodwill Ambassador for Creative Cities.

Alla Cerimonia d’apertura seguirà il Forum dei Sindaci: un’occasione di confronto tra sindaci e delegati provenienti da tutto il mondo che daranno vita a un dibattito internazionale sulle sfide delle città nel XXI secolo. L’appuntamento, moderato da Beppe Severgnini, ha lo scopo di elaborare proposte concrete nella prospettiva di una ridefinizione delle politiche e dei processi di urbanizzazione, alla luce degli obiettivi dall’Agenda ONU 2030.

Numeri da record per l’edizione italiana del meeting che, con la partecipazione di 60 rappresentanti istituzionali, circa 500 ospiti, 150 città e 65 Paesi rappresentati, si presenta come la più partecipata nella storia del Network.

Dall’estero, parteciperanno ai lavori, tra gli altri, sindaci provenienti da Arabia Saudita, Portogallo, Egitto, Afghanistan, Corea del Sud, Ecuador, Spagna, Scozia, Nuova Zelanda, Francia, Australia, Polonia, Belgio, Turchia, Norvegia, Giordania, Canada, Bahamas, Gran Bretagna, Svezia, Burkina Faso, Tailandia, Colombia, Capo Verde, Brasile, Azerbaijan, Cina, Giappone e Libano.

Per l’Italia ci saranno i sindaci Giuseppe Sala (Milano), Virginio Merola (Bologna), Francesco De Pasquale (Carrara) e Matteo Ricci (Pesaro).

Maggiori informazioni sono disponibili al sito internet: www.unescofabriano2019.orgs

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares