Agricoltura 4.0, dalla biofattoria in bottega solo prodotti tracciati h24 sicuri per l’ambiente

Sabato 16 dicembre, ore 17, presso il centro commerciale dell’Olgiata,

inaugurazione della B.O.ttega e presentazione del progetto B.O. AGRICOLTURA ANTICA

Roma, 7 dicembre 2017 – Tracciare le diverse attività di coltivazione e lavorazione alla vecchia maniera dei prodotti stagionali. E in un laboratorio di vendita creato ad hoc, come succede nei reality show, per la prima volta, osservare tutto in diretta. Perché il rispetto per la terra e quello per le persone non sono principi molto distanti l’uno dall’altro. E’ questa la sfida di B.O. Agricoltura Antica, un progetto di agricoltura 4.0 che unisce innovazione, sapere contadino, produttività e sostenibilità ambientale.

Vicino le cascate di Monte Gelato (Roma nord), uno dei luoghi più affascinanti del parco del Treia, nasce così la prima fattoria “tracciata” in Europa. Grazie a 20 telecamere operative fisse diffuse in tutta l’area, il grande Fratello arriva in fattoria per documentare h24 le diverse attività, mostrando quello che la produzione industriale purtroppo ha cancellato dalle nostre tavole. E in B.O.ttega nel centro commerciale dell’Olgiata, come in un vero reality show, si possono acquistare i prodotti che provengono dalla fattoria, osservandone in diretta dai grandi monitor, tutto il processo di produzione, dalla raccolta alla trasformazione.

L’idea è di un imprenditore romano, Massimo Pasquali, e nasce per soddisfare la fiducia di quei consumatori attenti sulle scelte d’acquisto, specie per i prodotti alimentari biologici. B.O., infatti, non è un acronimo ma giocando con il punto, scandisce ironicamente le due lettere.

“Per noi tornare all’agricoltura antica con il supporto di tecnologie moderne ma non invasive, cioè con la trasformazione ridotta all’essenziale, documentandone la biodiversità – spiega Massimo Pasquali – è diventata una realtà tangibile grazie al lavoro di squadra, insieme a un regista, un gruppo diversificato tra architetti, contadini, e collaboratori, con i quali si condivide l’idea di lavorare la terra con idee innovative ma rispettandola”. B.O. Agricoltura Antica, infatti, ha dato la sua risposta concreta alla domanda di chi vuole lavorare in campagna, investendo i soldi destinati a pesticidi in forza lavoro, dando occupazione a oltre una decina di persone.

Oltre ad offrire prodotti freschi e genuini, la fattoria di B.O. Agricoltura Antica, per la prima volta in Europa, infatti, mettendo insieme tecnologia e tradizione, favorisce il benessere e la “naturalità” dei suoi spazi. Dalle telecamere per il controllo dei prodotti agli impianti geotermici, dai pannelli fotovoltaici e dalle vasche di raccolta dell’acqua piovana al QR code per il riconoscimento delle piante, selezionando specie e varietà resistenti a malattie, parassiti ed erbe infestanti. Così come un sistema di domotica

per le suite della fattoria. Ognuna con una propria Spa e una propria piscina dove vivere un’esperienza di relax a contatto con la natura e in aperta campagna.

In “BOttega” ci sono una varietà diversificata di prodotti. Dalle confetture con un’alta percentuale di frutta (non meno del 90%), alla pasta all’uovo realizzata con farine a grano duro (Senatore Cappelli) e grano tenero (Abbondanza) prodotte in fattoria, macinate e lavorate a mano come si faceva un tempo; alle farine acquistate da un mulino siciliano, con tracciabilità scritta e alle paste chiare lavorate con antichi macchinari ricondizionati e rimessi a norma. Dai Saponi in vendita in base al peso come una volta, alle candele; dall’olio al miele, ai legumi e ai cereali. Possono trovarsi anche prodotti provenienti da aziende partner che condividono la stessa passione verso tutto ciò che è realmente naturale.

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares