Currently Browsing: Merelinda Staita

Verga a Firenze, capitale letteraria e politica

Quando Giovanni Verga arrivò a Firenze, nel maggio 1865, la cultura italiana, e in particolare quella fiorentina, era impegnata a utilizzare e rilanciare le culture regionali per fonderle in una nuova cultura nazionale. C’era ovviamente un motivo politico per questo progetto, ma c’era anche un interesse culturale. Firenze prese il posto di Torino come capitale […]

CONTINUA A LEGGERE

Giovanni Falcone e “il senso dello Stato”

“Il senso dello Stato”, come scrive lo storico Rosario Romeo, appartiene ad un funzionario cosciente di essere al servizio del Paese e fa di tutto per rispettare, e far rispettare, le leggi e gli ordinamenti. Tantissime le personalità importanti che, per onorare questo principio e compiere il proprio dovere, sono state uccise dalla mafia. Il, […]

CONTINUA A LEGGERE

I romanzi fiorentini del Verga

Molti studiosi e critici ritengono che i romanzi fiorentini del Verga siano collegati a una fase ottocentesca post-romantica e, in particolare, alla decadenza sentimentale del secondo romanticismo e alla Scapigliatura. In verità, Verga a Firenze si era reso conto chiaramente di due fatti fondamentali che agivano in quel tempo nella trasformazione della società italiana post-unitaria […]

CONTINUA A LEGGERE

STORIA DI UNA CAPINERA DI GIOVANNI VERGA

Storia di una Capinera, romanzo epistolare di Giovanni Verga, fu scritto tra il giugno e il luglio 1869 a Firenze. Il 25 novembre 1869, tornato temporaneamente a Catania, Verga spedì il romanzo a Francesco Dell’Ongaro, il quale ne rimase soddisfatto al punto da riuscire a farlo pubblicare dall’editore Lampugnani nella sua sede di Milano. Al […]

CONTINUA A LEGGERE

Confronto tra Alessandro Manzoni e Giovanni Verga

Molto spesso la critica ha parlato di manzonismo di Verga nella sua prosa e non possiamo darle torto, perché Verga era un ammiratore e lettore assiduo del Manzoni. Il tentativo manzoniano di creare una lingua comune non poteva non attrarre i realisti e i veristi dell’Italia centrale e meridionale, in quanto la soluzione <<dialettale>> (sia […]

CONTINUA A LEGGERE

Francesco De Sanctis e la questione della lingua

Francesco De Sanctis, scrittore, critico letterario, politico e Ministro della Pubblica Istruzione negli anni dell’Unità d’Italia, non poté non avvertire il problema della lingua e il legame tra la lingua e la storia della nazione. G. Nencioni, uno dei maggiori storici della lingua italiana, analizza la posizione del De Sanctis nel volume: La lingua dei […]

CONTINUA A LEGGERE

Commento critico del romanzo “Eros” di Giovanni Verga

L’analisi e lo studio della trama di Eros, romanzo di Giovanni Verga, mostrano elementi importanti da evidenziare, che non possono essere sottovalutati. Il romanzo inizia con l’epilogo del matrimonio tra i genitori del protagonista, i quali, infrangendo e distruggendo il focolare domestico, tolgono al figlio ogni possibilità di successo nella vita. Sin dall’inizio si prefigura […]

CONTINUA A LEGGERE