Currently Browsing: Giada Sbriccoli

CECI N’EST PAS… UN MICRO! Il sogno degli Idoli moderni

«La pittura trasforma lo spazio in tempo, la musica il tempo in spazio» affermava lo scrittore austriaco Hugo von Hofmannsthal. Opposti e complementari, i due linguaggi si presentano di fatto strettamente connessi nell’esperienza di numerosi artisti contemporanei, come testimoniano tutti quei musicisti che, nel tempo libero, si dedicano alle arti visive. Alcuni di essi lo […]

CONTINUA A LEGGERE

«MAMA MIA, LET ME GO!» Delitti e castighi di ogni giorno

Lo scorso 29 novembre 2018, in tutte le sale cinematografiche italiane, ha fatto il suo attesissimo debutto il film, diretto da Bryan Singer, Bohemian Rhapsody. La pellicola, proiettata in anteprima mondiale il 23 ottobre 2018 a Londra, alla Wembley Arena (di fronte al Wembley Stadium dove si tenne il celebre concerto Live Aid, evento che […]

CONTINUA A LEGGERE

IPSE DIXIT Parole e fatti di Nino Ricci, uomo, artista e cittadino maceratese

La lunga attività artistica di Nino Ricci (Macerata, 1930) si riflette nella raccolta dei suoi scritti dedicati a memorie e riflessioni, a pittori del XX secolo, a questioni teoriche, tecniche e a fatti d’arte maceratesi e nazionali, curata per i tipi dell’Associazione Culturale Centofiorini di Civitanova Marche Alta (224 p.) da Lucio Del Gobbo e […]

CONTINUA A LEGGERE

«WASN’T LIFE SUPPOSED TO BE MORE THAN THIS?» Asked the fool who remained sane

«I was born to start a revolution / It would be my contribution / To a worldwide resurrection». Questo potrebbe essere un buon incipit per It takes a fool to remain sane. A rockshow extravaganza featuring the songs of The Ark, inedita rock opera ideata e composta da Ola Salo, ex frontman della band svedese […]

CONTINUA A LEGGERE

«POETICAMENTE ABITA L’UOMO» Milano, oggi.

L’arte è sempre stata mossa dalla necessità di comprendere e conquistare le radici più profonde della vita e le vibranti metamorfosi che continuamente correggono, con tratti via via più incerti, i confini dello spazio e del tempo in cui è vissuta. Questo è, in sostanza, l’elemento costante che, pur nella sua inesauribile evoluzione formale, fa […]

CONTINUA A LEGGERE

«LE DONNE, I CAVALLIER, L’ARME, GLI AMORI» La danza di Clio ed Erato in Giappone

Venere e Marte sembrano destinati a fare coppia fissa anche dalle parti del Sol Levante. La mostra in corso a Bologna a Palazzo Albergati, Giappone. Storie d’amore e guerra, visitabile fino al 9 settembre 2018, offre uno spaccato culturale e civile del Giappone moderno (dal secolo XVII in avanti) di rara intensità e tutto incentrato […]

CONTINUA A LEGGERE

FUTURIS(SI)MO Alla maniera di Ivo Pannaggi

Dal 30 giugno al 4 agosto 2018, la Pinacoteca Comunale di Ripe San Ginesio (MC) ospita la mostra Ivo Pannaggi. Caricature e ritratti, a cura di Roberto Cresti, Sandra Paccamiccio, Marco Pannaggi e Gabriele Porfiri. La rassegna celebra la poliedrica e irregolare figura di Ivo Pannaggi, conosciuto soprattutto come pittore e architetto, attraverso l’attività da […]

CONTINUA A LEGGERE

(Dōngxī: “Cose” dell’“Oriente-Occidente”)

Zhang Dali, artista cinese di grande rinomanza (Harbin, Manciuria, 1963), torna, con una grande antologica in corso a Bologna a Palazzo Fava (visitabile fino al 24 giugno 2018), nella città che lo ha ospitato dal 1989 al 1995. Rifugiato politico nel nostro paese dopo le tragiche vicende di Piazza Tienanmen, Zhang Dali ha avuto modo […]

CONTINUA A LEGGERE

INFINITESIMALE L’“ennesima potenza” nei “minimi termini”

La mostra di Paolo Gobbi, Piccolo infinito quotidiano, a cura di Maurizio Coccia e Loredana Rea, in corso presso la Fondazione Umberto Mastroianni, nel Castello di Ladislao, ad Arpino (FR), è una occasione per vedere l’opera di un artista minimalista, il quale recepisce con segni essenziali tutte le inquietudini della vita, in un tempo che […]

CONTINUA A LEGGERE

OLTRE LA MODA E IL MODERNISMO Johannes Genemans

Johannes Genemans (Leiden, 1942) è uno scultore olandese che proviene dal mondo della moda. Dopo anni passati a trovare soluzioni per valorizzare il corpo, in specie femminile, dall’esterno, egli ha rovesciato le proporzioni del lavoro e si è dedicato al corpo stesso, creandolo con le proprie mani. Le sue sculture risentono dei suoi precedenti e […]

CONTINUA A LEGGERE