Currently Browsing: Dante Monda

Chi è Francesco? Il Papa sei anni dopo

A sei anni dall’elezione al Soglio pontificio, pubblichiamo alcuni stralci dell’articolo comparso il 18 gennaio scorso sul giornale online Il domani d’Italia “Un popolo in cammino. Conversazione con Dante Monda. I rischi nell’avvicinarsi a Bergoglio sono due: da un lato appiattirlo sul suo tempo, sulle vicende travagliate e contraddittorie del suo paese e della Chiesa […]

CONTINUA A LEGGERE

Un anno dopo le elezioni: narrative estremiste. Come uscirne?

Sembra che la comunicazione del paese si sia estremizzata e polarizzata. È ovvio e scontato rilevarlo. È infatti evidente la concentrazione dell’attenzione ai media e ai social dei due leader al governo, Di Maio e Salvini. Fin dal giorno dopo le lezioni è stata un’impennata di dirette, foto, video, post, tweet, presenza ai talk show, […]

CONTINUA A LEGGERE

Kubrik. Vent’anni dalla scomparsa del genio

Sembra un’era, eppure sono solo vent’anni dalla scomparsa del regista statunitense Stanley Kubrick, che proprio l’anno della morte (7 marzo 1999) ci lasciava l’ultima sua opera, Eyes wide shut, film inquieto e drammatico. Sembra tanto, perché la potenze delle immagini di Arancia meccanica, Barry Lyndon o 2001: Odissea nello spazio hanno fatto epoca, hanno impresso […]

CONTINUA A LEGGERE

De André vent’anni dopo. Il dramma del popolo

In occasione della recente ricorrenza, un mese fa, dei vent’anni dalla morte del celebre cantautore, si propone una breve riflessione sulla sua poetica. De André non cantava solo per se stesso. Cantava la strada, il passato, la vita borghese o selvaggia, il dramma e l’ironia delle vicende umane, mai cedendo a uno sterile intimismo. Questo […]

CONTINUA A LEGGERE

Boy erased. Fingere non serve

Il film che ha fatto molto discutere recentemente, Boy Erased, da Febbraio al cinema in Italia, offre spunti interessanti per riflettere su un tema attuale ma in realtà antichissimo. Non si tratta banalmente dell’accettazione sociale dell’omosessualità oggi. Il vero tema sotteso è la verità nei rapporti, la genuinità ed autenticità dei legami, familiari e affettivi. […]

CONTINUA A LEGGERE

Il primo re: finalmente una storia forte Finalmente.

Il cinema italiano si agita da tempo alla ricerca di storie autentiche, forti, che smuovano. Ecco, Matteo Rovere in L’ultimo re l’ha trovata. É riuscito in un’operazione per molti aspetti coraggiosissima. Innanzitutto per l’ambientazione: un film in costume, storico, anzi, preistorico. Infatti la leggenda di Romolo e Remo viene reinterpretata e raccontata senza imbellettamenti, con […]

CONTINUA A LEGGERE

Il degrado “dall’interno” La paranza dei bambini e l’automatismo del male

E’ da poco nei cinema il lungometraggio di Claudio Giovannesi, La paranza dei bambini. La scelta coraggiosa di girare molte parti del film in soggettiva non è casuale. Si tratta di un particolare stilistico rilevante, che ci dice qualcosa sullo stato del genere crime movie e forse anche dell’intero cinema italiano. Il punto di vista […]

CONTINUA A LEGGERE

Vice: un altro (strano) manifesto politico

Come già scritto per questa testata, in America il cinema politico ha tutt’altro tipo di approccio rispetto al vecchio continente e ancor di più rispetto al cinema italiano. L’atmosfera, le finalità, il tono sono diversi. Anzi, a ben vedere, il genere sembra del tutto scomparso nel nostro paese. Non così nell’America di Trump, in cui […]

CONTINUA A LEGGERE

Maria ed Elisabetta

Maria regina di Scozia è un film che osa molto. L’argomento, quello della rivalità fra le cugine Maria Stuart ed Elisabetta d’Inghilterra, è un pezzo di storia britannica fondamentale per comprendere l’anima e le contraddizioni di un Regno unito, ma diverso al suo interno. Maria è preso come simbolo di una cultura cortese eminentemente “femminile”, […]

CONTINUA A LEGGERE

Farenheit 11/9 e il passato che ritorna

Il documentario Farenheit 11/9 è passato nei cinema italiani dal 22 al 24 Ottobre, e per chi conosce Michael Moore può sembrare, forse a ragione, solo un’altra delle sue invettive politiche, sequel ideale di Farenheit 9/11, quando l’obiettivo polemico era Bush. In effetti è un film politico, un attacco frontale, sprezzante e agguerrito all’attuale presidente […]

CONTINUA A LEGGERE