Un anno di “Flop”

È passato oramai un anno dall’inizio dell’incubo che stiamo ancora vivendo.

In questa situazione di emergenza e pandemia, l’Italia colta giustamente alla sprovvista a fine Febbraio 2020, ha proposto alcuni provvedimenti, sulla carta interessanti ma, rivelatisi dei grandi “flop” .

I vari “Bonus” e “click day” proposti hanno quasi tutti fallito al debutto.

Aprile 2020

Il primo Aprile era il primo giorno utile a richiedere il bonus di 600 euro previsto dal decreto “cura Italia” riservato ad autonomi colpiti dal calo di fatturato per via delle restrizioni anti pandemia.

Il bonus doveva essere richiesto sul sito dell’Inps che nel “click day” non resse. Il troppo traffico in entrata (prevedibile…) mandò in tilt l’intero sistema, i servizi furono inaccessibili e molti utenti si ritrovarono a visualizzare dati sensibili di altri utenti di cui potevano leggere tutto, dati anagrafici, fiscali, codici, un vero FLOP a cui dovette intervenire anche il Garante per la Privacy.

Giugno 2020

Il primo Giugno viene lanciata l’app che, come in Cina , avrebbe dovuto tracciare e risollevare le sorti di un intero Paese agevolando e ottimizzando la prevenzione contro il Sars Covid-2. Dopo circa 8 mesi dal lancio, l’impatto è stato pressochè “insignificante”, i positivi segnalati in quasi 8 mesi sono inferiori al bollettino di un singolo giorno. L’app risulta macchinosa, con tempi di elaborazione dati eccessivi, in pratica assolutamente “inutile”

Un vero e proprio fallimento, attualmente l’app è finita nel dimenticatoio

Novembre 2020

Il 3 Novembre fu il primo giorno utile per richiedere il bonus mobilità. Un bonus che dava diritto ad un buono pari al 60 % del prezzo di acquisto di un monopattino o di una bici.

Portale impossibile da raggiungere e sistemi di accesso tramite spid in tilt.

Il sito per l’occasione fu predisposto dal Ministero Dell’Ambiente. L’impossibilità a raggiungere il sito e l’inefficacia del sistema di riconoscimento dell’identità digitale, impedirono a tanti utenti di completare l’operazione.

Dicembre 2020

Martedì 8 Dicembre, l’esordio drammatico del Cashback.

Il programma propone un rimborso del 10% degli acquisti fatti nel periodo Natalizio

Centinaia di migliaglia di utenti lamentano errori nell’app, difficile trovare qualcuno che dica di esser riuscito a portare a termine l’operazione.

Soldi dall’Europa ne arriveranno, speriamo solo di essere in grado di utilizzarli nel miglior modo possibile.

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares