Viaggiare low cost, divertirsi spendendo poco

Couchsurfing e Carpooling sono solo due di molti strumenti per vivere una vita low cost.

Si può trovare un divano su cui dormire, un passaggio in Italia, in Europa o nella cittadina di provincia che credevi dimenticata.

Basta registrarsi sul sito o accedere direttamente tramite l’account Facebook.

Sarà colpa della precarietà, della crisi economica o del voler essere a tutti i costi un po’ freak, ma negli ultimi tempi di modi per vivere meglio e spendere poco se ne parla davvero tanto.

I costi dei mezzi di trasporto sono insostenibili e così, invece di alzare il pollice e aspettare impazienti un magnanimo passante, ci si è inventati il carpooling: un network di “social-hitchhikers” che in Europa registra circa 5 milioni di utenti; in poche parole la versione 2.0 dell’autostop che ti permette di andare da Roma a Milano con circa 30 euro.

Il prezzo varia a seconda del numero dei passeggeri nel mezzo di trasporto e del tipo di automobile/comfort. Discorso simile per il couchsurfing, che ti dà la possibilità di trovare un divano in tutto il mondo, o quasi.

Non c’è nessun obbligo o contratto: si chiede ospitalità per il numero di notti e persone e se l’host accetta avrete un letto, un pavimento, un divano, insomma un tetto sotto cui dormire.

Tutto gratis ovviamente.

E se non accetta? Probabilmente vi chiederà di uscire per prendere un caffè, presentarvi ai suoi amici, mostrarvi la sua città.

Perché, prima di tutto, couchsurfing è una rete di persone che hanno voglia di conoscersi e confrontarsi.

Spirito d’avventura, capacità d’adattamento e sorriso richiesti.

Ma non dimenticatevi la fiducia: non è solo in base al numero di feedback che la si misura.

Del resto “la diffidenza rende tristi”.

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares