UN ARTISTA POETA E UN ARTISTA FOTOGRAFO

E’ incredibile quante sorprese inaspettate e di grande impatto riserva questa terra gloriosa di Ciociaria, anche in questi tempi così complicati. E’ sicuro motivo di gratificazione e di contemplazione godere i versi di un poeta o certe immagini della natura riprese dall’obiettivo di un poeta… della macchina fotografica!

Fino a qualche decina di anni addietro molta parte di Roma e parte della Ciociaria risuonava dei versi e delle liriche e stornelli di Attilio Taggi (1867-1950), romano ma dei Monti Lepini. Internet fornisce al curioso le notizie e i ragguagli sulla sua esistenza. Qui è intendimento di trasmettere al lettore qualche breve uache elemento che consenta di farqu elemento atto a presentarlo e ad apprezzare. Attilio Taggi fu un poeta, uno di quelli che cantò la vita e le persone da lui viste e conosciute a Sgurgola, suo paese natale, mai dimenticato: i personaggi, le vicende, i fatti, la natura, gli animali, il tramonto, il profumo di un fiore…Sensazioni e descrizioni sempre presenti, espresse in una lingua piana ed elementare ma ricca e dolce, soprattutto in dialetto, nel dialetto di Sgurgola: è ai suoi concittadini e al suo paesello prima di tutto e poi al mondo e alla vita dell’uomo sulla terra: un personaggio noto della vecchia Roma dell’epoca lo definì “l’usignuolo della Ciociaria”, felice e idonea connotazione. La raccolta più conosciuta dei suoi versi e stornelli e sonetti si intitola “Roselle de fratta” e qualche titolo a caso ne illustra la personalità: la funtanella, Moretta, Biondina, glio primo ‘ncontro, Margarita, glio lagno de glio scopino, glio ciammaricono, alla bona de Dio, glio soricitto. Il lettore viene piombato in un altro mondo e se ne raccomanda la lettura.

Un secondo poeta, questa volta a noi contemporaneo, ha come strumento la macchina fotografica: si dirà, tutti hanno una macchina fotografica, è vero, ma nessuno o solamente qualcuno possiede la sua professionalità e, ancora di più, ha come motivo ispiratore e come vocazione la passione grande per la natura, i suoi fenomeni e i suoi abitanti, specie gli uccelli. La molla, il suo stimolo, è l’amore: parole difficili, in questi tempi, ma si giudichi da alcune immagini qui illustrate, un minimo in verità, da lui riprese: risultati di lunghi appostamenti e grande pazienza e disinteresse. Si chiama Mirko dell’Unto ed è un arpinate. Il suo campo di azione è la Ciociaria, al di qua e al di là dei Lepini e degli Ausoni, dove la natura si apre sotto l’occhio dell’obiettivo, nella sua magnificenza creatrice, che lui scopre e valorizza, grazie alla sua sensibilità non comune. Si goda la visione di queste immagini uniche ed irripetibili.

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares