Giuseppe Castaldo Eleganza senza tempo e senza confini

 

Ancora una volta parliamo di moda e di eleganza e lo facciamo raccontandovi la vita e la carriera di un grande artigiano della bellezza: Giuseppe Castaldo.

Dopo gli studi Giuseppe Castaldo ha inaugurato la sua carriera nel campo dell’eleganza, entrando a far parte della tradizione familiare ma con l’idea fissa di voler creare una propria sartoria. Conversando per ore con tutti i sarti che giungevano nella sua bottega, trascorrendo il tempo a imparare e copiare dai grandi maestri del napoletano e grazie al loro aiuto, ha aperto la sartoria Gegè, dal nomignolo del figlio. Si tratta di una realtà che, partendo dalla base, si è fatta strada fino a raggiungere una clientela internazionale in Giappone, America, Corea, Russia, Emirati Arabi. Giuseppe ha la consapevolezza di non aver inventato lui la giacca napoletana ma sa che, se il suo lavoro è fatto con passione e professionalità, anch’esso è invenzione. Giuseppe è il figlio di un mercante di stoffe, con il gusto e l’eleganza tipici dei sarti artigianali napoletani, che ha fondato la sua sartoria con l’intento di mantenere l’anima di questa grande tradizione. La sua scuola rappresenta una vera e propria eredità creativa e professionale, che la collega al passato, un vero patrimonio per la sua bottega. L’esclusività e la preziosità del laboratorio sta nell’uso di strumenti antichi, come i vecchi ferri da stiro in metallo, molto pesanti, che servono a dare l’ultimo tocco all’abito, nello sciallare un revers, nel lavorare le maniche e i polpacci dei pantaloni. Questa lavorazione è assai più lunga ma solo così si può fare la differenza, confezionando abiti con la stessa maestria di quelli cuciti all’inizio del XX secolo. Ogni abito è fatto di 30.000 punti, tutti infilati a mano con lo stesso gesto, dalle stesse mani, che tagliano, imbastiscono e cuciono pezzi infinitesimali di stoffa, con lo stesso rispetto delle grandi pezze pregiate. Straordinario è l’iter di lavorazione di questi veri capolavori. Si parte da un modello di carta, che è tagliato e costruito, su cui è plasmato l’abito. Si procede con la prima prova, quella delle tasche e della bordatura e in questa fase tutti gli aggiustamenti sono consentiti, perciò il pezzo imbastito è scucito per eseguire le modifiche. Nella seconda prova la giacca è ormai definita, è indossata e sono aggiustati gli ultimi dettagli. La terza prova è fatta con l’abito ormai completato, al quale mancano solo la stiratura e la cucitura delle asole, rigorosamente a mano. L’abito è quindi consegnato al cliente e la sartoria conserva le misure per eventuali futuri lavori. Insomma, si tratta di vera eleganza napoletana d’altri tempi, un lusso davvero raro al giorno d’oggi.

 

Manuela08 Bbbbbb Pacelli

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares