Antoniazzo Romano, pictor urbis

La Galleria Nazionale d’Arte Antica, a Palazzo Barberini, ospiterà a partire dal 1° novembre, la prima mostra completamente dedicata ad uno dei pittori più importanti del tardo Quattrocento laziale : 
Antonio Aquili, noto più come Antoniazzo Romano, artista formatosi con i grandi del tempo come di Benozzo Gozzoli, Piero della Francesca e  Domenico Ghirlandaio.
Più di cinquanta saranno le opere esposte:
 polittici, grandi pale, piccoli dipinti devozionali, tavole a fondo oro, affreschi staccati, opere di confronto e insieme a tutto ciò , vi sarà la possibilità di osservare una serie di documenti  provenienti per la maggior parte dall’Archivio di Stato di Roma che sono legati alla biografia dell’artista.
 
La mostra è stata resa possibile sopratutto dalla generosità di prestigiosi Musei come : 
i Musei Vaticani, i Musei nazionali del Bargello,di Capodimonte, e dell’Aquila, e Museo Poldi Pezzoli,
 dai Musei civici di Rieti, Montefalco e Montefortino, di collezioni private e da importanti prestiti proveniente da chiese romane e laziali.
Curata da Anna Cavallaro e Stefano Petrocchi, la mostra, percorre tutta la vita di Antoniazzo Romano, partendo dagli esordi per poi assistere all’evoluzioni e la maturità artistica di esso;
parte integrante del Rinascimento, fu attivo fino al primo decennio del Cinquecento a Roma e nel territorio laziale. 
La mostra, oltre ad illustrare il contesto in cui l’artista si è sviluppato, vuole anche ribadire l’importanza che ebbe la sua bottega che fu un principale punto di riferimento per i grandi maestri come Perugino e Pinturicchio e vuole soffermarsi anche sulla produzione di immagine sacre riprese da icone medievale e rivisitate in chiave rinascimentale, adattamento che provocò proprio il successo dell’artista presso il popolo romano.
Sono degne di nota la meravigliosa ancona di Montefalco e il complesso pittorico della Camera di Santa Caterina da Siena, per la prima volta riunito.
 
In conclusione, il Comune di Roma promuoverà l’iniziativa di un itinerario cittadino,che accompagnerà il pubblico alla scoperta delle testimonianze della pittura di Antoniazzo a Roma: la Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, la Basilica di San Giovanni in Laterano, il Pantheon, la Chiesa di San Pietro in Montorio.
 
 
“Antoniazzo sarà capace di sorprenderci per originalità e splendore”
 
 
 
 
 
 
 
 
Box informazioni:
Roma, Palazzo Barberini
Via delle Quattro Fontane, 13

Orario: dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.00 (la biglietteria chiude alle ore 18.00) 
Chiusura: il lunedì, il 25 dicembre e il 1 gennaio

 
 
Anna Scordari111
 

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares