Guarracino coralli, la magia di un’antica arte al servizio della bellezza dell’oggi

«In un contesto quale quello di Torre del Greco, città famosa in tutto il mondo per l’antica tradizione della pesca e della lavorazione del corallo, 70 anni fa cominciò la nostra storia. Noi siamo appassionati amanti dei gioielli che vengono dal mare, siamo i creatori di queste piccole preziose magie e lo facciamo ancora oggi come si faceva agli albori,ancora oggi siamo artisti ed artigiani».

Antonio Guarracino è orgoglioso dell’attività di famiglia. E come non potrebbe essere altrimenti, visti i risultati.

Tutto cominciò con suo papà ma, adesso, la tradizione continua nel laboratorio della piccola cittadina in provincia di Napoli, lo stesso da generazioni, in via Antonio Luise 10, dove tutto ebbe inizio, prima di trasferirsi nella nuova sede in via Madonna del Principo. Dal semplice taglio di un ramo di corallo, di una pietra, di una conchiglia, si dà il via ad un processo che conduce alla realizzazione di pezzi di raro valore e di preziosa unicità.

La produzione della Guarracino coralli si può suddividere, con estrema semplificazione, in tre macro-categorie: lavorazione del liscio per il corallo, lavorazione dell’inciso sia per il corallo che per la conchiglia. Materiali pregiati, sempre di prima qualità. Una scelta rischiosa in un momento storico in cui si tende al compromesso, ad abbassare il livello dei prodotti per certificarsi concorrenziali. Una scelta che, però. Ha premiato. Le opere dei Guarracino hanno affascinato anche i mercati asiatici, facendo diventare l’azienda campana famosa in tutto il mondo e dando vita ad intenso scambio di idee e stili, frutto del mescolamento tra culture, linfa vitale delle antiche tradizioni.

Cammei, ciondoli, piccole sculture, gioielli con pietre dure, oggetti d’arredo. Regali indimenticabili da fare e da farsi, nati dalle sapienti mani di incisori e intagliatori. Passione e maestria la chiave del successo di questi molto più che artigiani: veri artisti.

Related Posts

di
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares