Puglia d’Amare, la Puglia, la terra di Michele Carone

Il grande filosofo francese Voltaire diceva che  “la patria è dove si vive felici”.
La patria come punto di inizio di un racconto, e come punto di arrivo di una lieta conclusione di una fiaba.

Una fiaba che vede protagonista un uomo e la sua terra.
Tutto inizia tanti anni fa nella stupenda terra di Puglia una terra che ci parla con i suoi colori, e ci annusa con le sue fragranze, ricca di storia, arte e vita e che con i suoi prodotti declama tradizione e cultura.

Dalla Puglia dal paese di Altamura, è nato un uomo, che con l’arte culinaria ha da sempre dialogato tanto da farne  oggi la sua professione:Michele Carone.

Lui ha creato il marchio panzerotto, lui ha reso celebre un prodotto sconosciuto alla capitale, trasferendosi a Roma, e oggi con la sua bottega di gusto sita a via Appia sempre a Roma, dal nome  Puglia d’Amare, ha voluto deliziare i suoi clienti con panzerotti, rustici, focacce, taralli, pasticiotti alla crema, alla crema e  amarena e babà, con primi espressi della tradizione barese,tutti piatti  preparati  con cura e amore due ingredienti fondamentali per un uomo che nelle radici della terra affonda la sua vita e il suo essere.

Michele ogni giorno dalle 10 la mattina sino a sera prepara  zampette proveniente da  Martina Franca, bombette sempre di Martina, e tante altre chicche, offre  biscotti del forno dell’Oro degli dei di Michele Tota e le baguette di Pasquale Tota,e molto altro,tutti prodotti d’eccellenza come eccellente è l’angolo di prelibatezze che ha visto i natali il 14 ottobre 2017 e che si prospetta un vero angolo di successo per Michele sua moglie Rosa, la sua famiglia, lo staff Nicoletta,  Samira e Alessandra.

Come diceva il commediografo Aristofane :”la patria è sempre dove si prospera” e Michele Carone nella sua Puglia alias Roma ha già vinto e prosperato oggi come ieri, più di ieri.

Box informazioni:
Puglia d’Amare
via delle Cave 20 Roma
Aperto tutti i giorni 10-22
Chiuso domenica mattina

 

Tag:

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares