Viva Vivaldi The Four Seasons Mistery: la proposta che mancava a Venezia

Giovanni Bastianelli, direttore esecutivo dell’Enit, Agenzia Nazionale del Turismo, ha pa-role di apprezzamento e di incoraggiamento per il nuovo format artistico culturale inau-gurato lo scorso maggio a Venezia

«A Venezia mancava una proposta del genere»: così Giovanni Bastianelli, direttore esecutivo dell’ Agenzia Nazionale Italiana del Turismo, si esprime a proposito di Viva Vivaldi The Four Seasons Mistery, l’inedito format culturale e artistico, inaugurato a Venezia nel Museo Diocesano lo scorso 13 maggio, e che dall’Enit ha ottenuto il patrocinio.

Sono parole di apprezzamento quelle utilizzate da Bastianelli, presente il giorno dell’inaugurazione, e che, nel corso di una intervista rilasciata per i nostri canali social, aggiunge: «Il racconto fatto dagli autori di questo percorso basato sul compositore veneziano che si posiziona tra i più conosciuti al modo mi è sem-brato molto bello e molto utile alla città di Venezia perché a Venezia una cosa del genere non c’era».

Un nuovo modo per far vivere un’esperienza legata ad un grande compositore della città di Venezia: Viva Vivaldi è una proposta inedita costruita con una notevole creatività. «Non basta Viva Vivaldi per cambiare

la tipologia del turismo che c’è in questo momento a Venezia – spiega Bastianelli -, ma è senz’altro un pri-mo passo fondamentale per far comprendere che Venezia può essere più dinamica, può usare il proprio patrimonio culturale anche in una maniera più creativa e offrire l’opportunità ai turisti di vedere le cose sotto un alto punto di vista. Viva Vivaldi è un esperimento che la città stessa dovrebbe seguire».

E se per Viva Vivaldi The Four Seasons Mistery ad oggi visitata per l’85% da stranieri (di cui la maggior parte in arrivo da Stati Uniti, Canada e Australia e Sud America mentre per quanto riguarda l’Europa i francesi mantengono il primato oltre agli italiani, a seguire inglesi, tedeschi e spagnoli e russi), presente su portali come Tripadvisor e da poco anche su Viator, l’obiettivo è quello di arrivare ad essere tra le prime dieci cose da visitare a Venezia, quella delineata dal direttore esecutivo dell’Enit si profila come una sfida ancora più ardua, ma senz’altro appassionante: «La grande sfida verso i turisti per una città come Venezia non è quella di farli andare a Venezia, perché una volta nella vita tutti verranno, ma è quella di farli tornare. Viva Vivaldi fa parte di quelle cose che possono permettere ad un turista di avere un buon motivo per tor-nare a Venezia».

Per Informazioni:

Elena Grazini

Advisor Comunicazione

Viva Vivaldi The Four Seasons Mistery

338 190 24 36

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares