Fognini vola per la semifinale di Miami

Mai nessun italiano era arrivato in semifinale nel Master 1000 di Miami ma c’è sempre una prima volta e il 29 marzo 2017 Fabio Fognini ottiene questo importante traguardo a discapito del grande campione giapponese Kei Nishikori (numero 4 nel mondo e seconda testa di serie del torneo). E’ la seconda volta che Fabio raggiunge il penultimo turno di un Master (la prima era stata a Montecarlo nel 2013 quando si scontro contro Novak Djokovic); ai tempi si giocava sulla terra ma stavolta l’obiettivo è stato ottenuto sul tanto “odiato” cemento. Una partita sulla carta alquanto sfavorevole per l’italiano poiché ha davanti un campione come Nishikori ma il tennis è un gioco imprevedibile poiché comprende diversi fattori. Il campione giapponese si presenta all’incontro con Fognini in una condizione a dir poco approssimativa poiché gioca anche con un ginocchio dolorante; ma se da una parte c’è una forma non poco favorevole dall’altra troviamo una forte tenuta mentale da parte dell’italiano che viaggia ultimamente in una condizione ottimale. Spesso è questa la chiave contro i grandi campioni tenere le condizioni mentali e fisiche di pari passo. Nishikori non trova gli angoli e commette diversi errori regalando punti al giocatore ligure, in un attimo ci troviamo già sul 4-1. Fabio paga un po’ la tensione ma non molla il primo set e lo vince con il punteggio di 6-4; il secondo set sembra la fotocopia del primo con Fognini sempre avanti e vincendo per 6-2. Una partita ch’è durata poco più di un’ora e che regala all’Italia un’importante semifinale e un già evidente risultato per il campione italiano che lo riporterà tra i primi 30 giocatori del mondo. La semifinale si svolgerà venerdì 31 marzo 2017 contro lo spagnolo Rafa Nadal (numero 7 del mondo); c’è un discreto bilancio a sfavore dell’italiano sono 3 su 7 le vittorie ottenute. Dopo un avvio di stagione piuttosto incerto e altalenante la trasferta americana (prima a Indian Wells fino al terzo turno e ora le semifinali a Miami) sta riservando a Fognini le soddisfazioni tanto sudate e meritate di anni duri e complicati. Attendiamo con pazienza cosa succederà nella prossima partita per scrivere un’altra pagina di storia.

Noemi Deroma.

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares