AL “BORGO” DI PONTECORVO, CON GABRIELE CAPUANO, LA BUONA CUCINA RISCOPRE IL SUO GUSTO PIÙ AUTENTICO

“Non c’è amore più sincero che l’amore per il cibo”. Un amore fatto di semplicità, di autenticità, un amore che sa di buono, che profuma di antiche tradizioni, un amore vero e passionale, proprio come quello che si può respirare al ristorante Il Borgo, a Pontecorvo.

 

Sito nel cuore della piccola città ciociara, bagnata dal fiume Liri, Il Borgo è la meraviglia ristorativa che si para d’innanzi a chi raggiunge gli antichi confini di quella che fu la Terra del Lavoro, semplicemente per riscoprire la bellezza di un luogo unico dove la cucina diventa vera regina.

Il Borgo nasce nel 2013, dalla straordinaria intuizione dello Chef Gabriele Capuano. Da sempre appassionato di cucina,  con una propria formazione alberghiera con le idee ben chiare sulla tipologia ristorativa da proporre, egli ha rilevato una vecchia trattoria nel cuore di Pontecorvo e l’ha completamente trasformata per plasmarla alla sua concezione di ristorazione.

Ne nasce, così, un locale dove la tradizione si fonde con l’innovazione, dove la semplicità si sposa armoniosamente con la modernità, dando vita ad un luogo che piacevolmente stupisce già al primo impatto, un luogo di cui è facile innamorarsi, e benedirai tutta la fatica fatta per ricercarlo un posto così magico, un locale dove la cucina riesce a ritrovare il suo gusto più vero.

Un piccolo dehor, un elegante salottino all’ingresso per accogliere i suoi ospiti, e tre salette finemente arredate per dare luogo alla magia di una meravigliosa degustazione, questo è il ristorante Il Borgo.

Eleganza e semplicità si respira tra le mura di questo locale: le arcate in pietra a spezzare la continuità degli spazi, le chiare pareti da cui affiorano antiche pietre, ricordo dei tantissimi secoli vissuti da questo locale, le luci calde e soffuse a dare tono all’ambiente, il raffinato tovagliato a sottolineare l’importanza di questa location, le moderne sedie in pelle scura ed il meraviglioso parquet a rivestire la pavimentazione, qui tutto è stato declinato secondo una filosofia di gran gusto, tutto semplicemente per far sentire importante l’ospite che qui viene a sedersi, pur facendogli respirare un clima molto familiare e conviviale.

E qui, lo Chef Gabriele Capuano è riuscito a proporre la sua filosofia di cucina, che affonda le proprie radici nella tradizione, ma riesce comunque a spiccare il volo verso arditi, geniali ed equilibrati accostamenti. Una cucina che valorizza i prodotti del proprio territorio, come il famosissimo peperone cornetto di Pontecorvo, a marchio d.o.p., senza mai affogare nella riproposizione stantia di antichi piatti della tradizione; una cucina, quella dello Chef Capuano che sa dosare in modo equilibrato i profumi ed i sapori dei prodotti genuini, dandogli quel brio di fantasia che rende la sua cucina semplicemente divina.

Un menù che sposa sia il mare che la terra, una ristorazione che segue la stagionalità delle materie prime, garantendo, così, sempre la loro freschezza e genuinità, abbracciando, per quanto possibile, la filosofia del km 0.

Una cucina che, in sintesi, diventa piacere puro per i nostri sensi, vero godimento per le nostre papille gustative, nella quale si percepisce tutta la mano dello Chef, tutto il suo estro creativo, quella profonda sua conoscenza delle materie prime, quella sua instancabile ricerca della perfezione, ma dalla quale si comprende anche quanto egli si diverta enormemente tra i fornelli.

E dagli antipasti ai primi, dalle carni al pesce, sino al dessert, qui tutto diviene pura poesia culinaria.

Piatti come una amatriciana di polpo, o un cacio e pepe con cozze e pomodorini pachino, o uno spaghettone con vongole e peperone cornetto di Pontecorvo, sono vere delizie per ogni palato, una piacevole riscoperta della vera buona cucina, uno spettacolo di profumi e sapori autentici.

Perché in questi piatti c’è semplicemente tutto l’amore che lo Chef Gabriele Capuano ha per la sua cucina, c’è passione immensa e tanto sacrificio, c’è la sua profonda conoscenza ed il suo continuo sperimentare, per raggiungere ambiziose qualità culinarie. In questi piatti emerge anche tutto quel sano divertimento e quel giocoso estro che continuamente muove lo Chef Capuano verso una cucina di livello, unica nella sua complessa semplicità. Una cucina vera ed audace, che trasforma il ristorante Il Borgo in una vera chicca ristorativa, tutta da scoprire, semplicemente, tutta da gustare.

 

 

 

 

Raffaele Zoppo

 

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares